This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Lunedì 03 ottobre 2022 - 15:42

TURISMO, FEDERALBERGHI: PONTE 1° NOVEMBRE, 7 MLN IN VIAGGIO (+ 1,7%)

(CHB) - Roma, 31 ott 2013 - Saranno circa 7 milioni gli italiani (tra maggiorenni e minorenni) in viaggio nei prossimi giorni, che trascorreranno almeno 1 notte fuori casa (rispetto ai 6,9 milioni del 2012). Lo rileva una indagine Federalberghi effettuata dal 21 al 25 ottobre intervistando con il sistema C.A.T.I. (interviste telefoniche) 3.003 italiani, rappresentativi degli oltre 50 milioni tra coloro che costituiscono l’intera popolazione maggiorenne. Questo numero equivale ad un +1,7% della popolazione rispetto allo stesso periodo del 2012. Il 90% di italiani (rispetto all’87,5% del 2012) rimarranno nel Bel Paese, mentre l’8% (come nel 2012) andranno all’estero. 
Saranno le località montane quelle più frequentate durante questo ‘ponte’ del 1° novembre. Il 39% (come nel 2012) di coloro che si muoveranno le preferiranno ad altri lidi. Il 24% (come nel 2012) andranno in località di mare. Il 19% (rispetto al 20% del 2012) si recheranno in località d’arte, un 2,4% (rispetto al 2,9% del 2012) coglieranno questa occasione per ritemprarsi in località termali e del benessere ed un 3,5% (rispetto al 3,8% del 2012) andrà in località lacuali. L’8,6%, infine, indica un altro tipo di località e saranno essenzialmente coloro che si recheranno nei loro centri di origine per onorare la festività di Ognissanti.
Per quei pochi che sceglieranno mete estere per questa breve pausa vacanziera, le grandi capitali europee faranno la parte del leone con addirittura il 61,6% della domanda complessiva. L’11,8% andrà oltre oceano in visita alle grandi capitali extra-europee. Un 13,3% sceglierà le montagne d’oltre confine ed un 6,6% opterà per mari esotici.
L’albergo sarà la struttura prescelta dal 32% dei viaggiatori (rispetto al 32,6% del 2012), seguito dal 29,5% di chi andrà in casa di parenti o amici (rispetto al 29,2% del 2012) e dal 14,8% che si recherà in casa di proprietà (rispetto al 14,9% del 2012). L’agriturismo sarà scelto dal 5% dei viaggiatori (rispetto al 5,1% del 2012), il Bed & Breakfast dal 4,5% dei vacanzieri (rispetto al 6,7% del 2012), il residence dal 3,3% (rispetto allo 0,8% del 2012) ed il rifugio alpino salirà al 3,1% delle preferenze (rispetto all’1,6% del 2012).
La spesa media pro-capite, comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti, si attesterà sui 249 Euro (rispetto ai 247 del 2012 per un +0,8%). Da ciò un giro d’affari che si attesterà su 1,74 miliardi di Euro (rispetto a 1,71 miliardi di Euro del 2012 per un +1,4%). Chi resterà in Italia spenderà mediamente 221 Euro (come nel 2012) e 526 Euro a persona (rispetto ai 541 Euro del 2012) verranno invece mediamente spesi da chi sceglierà una vacanza oltre confine.
La durata media del soggiorno durante questo ‘ponte’ del 1° novembre, sarà infine di 2,5 notti trascorse fuori casa (rispetto alle 2,9 notti del 2012). “Anche se il numero degli italiani e degli stranieri che andranno in vacanza per il ‘ponte’ del 1° novembre potrebbe far segnare un’impercettibile risalita, prevediamo un calo della quota di coloro che soggiorneranno in albergo, agriturismo e bed and breakfast, contribuendo ad accrescere lo stato di difficoltà nel quale si dibattono centinaia di aziende”. È questo il commento del Presidente della Federalberghi, Bernabò Bocca, alla lettura dei risultati di un’indagine* esclusiva svolta dal Centro Studi della Federazione con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions.(CHARTABIANCA) red