This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 28 gennaio 2022 - 02:50

SANITA', ASL SASSARI: ANTONIO F. COSSU NUOVO DIRETTORE OSPEDALE OZIERI

(CHB) - Sassari, 27 dic 2013 - Antonio Francesco Cossu è il nuovo direttore del presidio ospedaliero di Ozieri. Il direttore generale della Asl di Sassari Marcello Giannico nei giorni scorsi gli ha conferito ufficialmente l’incarico.
Cossu lavora alla ASL di Sassari dal 1996 come dirigente medico al Distretto Sanitario di Sassari, del quale è stato responsabile sanitario nel periodo 2010/2011 e presso la direzione del presidio ospedaliero di Ozieri nel biennio 2005/2007. In precedenza ha prestato servizio presso ex - U.S.L. n° 10 di Sorgono e presso la ex - U.S.L. n° 4 di Olbia, con una breve parentesi anche alla Direzione del Presidio Ospedaliero di Ghilarza.
Laureato in Medicina all'Università di Sassari, Cossu è specializzato in Igiene e Medicina Preventiva e in Odontostomatologia. Ha conseguito il Master in “Economia Sanitaria” all’Università di Roma - Tor Vergata. Inoltre, ha al suo attivo i master in “Management Sanitario” e “Sviluppo dei Sistemi di Qualità” conseguiti all’Università di Padova, quello sulla “Gestione del Rischio Clinico” all’Università di Verona e sulla “Direzione delle Strutture Sanitarie” (MADISS) all’Università di Sassari. Antonio Francesco Cossu è anche componente del Nucleo Tecnico per le autorizzazioni e gli accreditamenti delle strutture sanitarie presso l’Assessorato regionale della Sanità.
Conoscitore delle problematiche sia territoriali che ospedaliere, il nuovo direttore ha tra i suoi obiettivi la riorganizzazione dei servizi ospedalieri e il rilancio dell’attività del Segni anche con attività innovative e di eccellenza, il riassetto strutturale e l’adeguamento impiantistico e tecnologico e, nel breve periodo, la riorganizzazione dell’attività chirurgica con la centralizzazione dell’attività operatoria e il trasferimento del reparto di Neurologia. (CHARTABIANCA) red