This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 28 gennaio 2022 - 03:11

G8 LA MADDALENA, URAS (SEL) E CAPELLI (CD): SPERPERO AMMONTA A 1 MLD, FARE LUCE

(CHB) - Cagliari, 18 feb 2016 -  La denuncia di sperpero di denaro pubblico per il mancato evento del Vertice G8 a La Maddalena, stimato dalla Protezione Civile per l’importo di 187 milioni di euro, è costato in realtà ben un miliardo di euro: lo denunciano i senatori Luciano Uras (Sel) e Roberto Capelli (Cd). I due parlamentari sottolineano che soltanto per la realizzazione degli edifici e delle costruzioni annesse sono stati spesi oltre 500 milioni, dei quali 100 milioni di fondi Fas sottratti alla Regione. E complessivamente almeno altri 500 milioni di denaro pubblico verranno spesi per mettere in funzione l’intera struttura oggi abbandonata, in balìa di eventi atmosferici e atti di vandalismo. 
"Si sta nascondendo una verità scomoda, tutta sulle spalle dei sardi e della Sardegna  - osservano Uras e Capelli - chiediamo che sia fatta piena luce e che i ministri competenti vengano a riferire nella aule parlamentari di Camera e Senato. Vorremmo capire se tutti gli organi di controllo abbiano avuto modo di fare e completare tutte le verifiche necessarie. Oltre ai costi esorbitanti già sostenuti, tra bonifiche ancora da realizzare e risarcimenti multimilionari ai gestori vincitori dei bandi (vedi la recente sentenza che ha riconosciuto 40 milioni di risarcimento alla Mita s.r.l. del Gruppo Marcegaglia), si stima un ulteriore sperpero di denaro pubblico per altri 500 milioni di euro. Uno schiaffo di fronte alla drammatica situazione economico-sociale in cui versa la Sardegna e l’intero Paese". (CHARTABIANCA) red imprese edilizia regione