This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 28 gennaio 2022 - 02:46

BALNEARI, CAPPELLACCI (FI): GIUNTA E GOVERNO INTERVENGANO SUBITO A BRUXELLES

(CHB) - Cagliari, 01 mar 2016 - “La Giunta e il Governo intervengano urgentemente a Bruxelles per evitare che le nostre imprese balneari siano spazzate via al grido del solito 'ce lo chiede l’Europa' ”. E’ l’appello di Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Forza Italia, affinché sia colto il messaggio delle associazioni di categoria, dopo il parere negativo dell'Avvocatura Generale della Corte di Giustizia europea in merito alla proroga al 2020 delle concessioni stabilita dal governo italiano. “Non è pensabile – prosegue l’esponente azzurro- che per l’Italia le disposizioni europee siano sempre insormontabili, mentre per altri Stati diventano negoziabili o riscrivibili. Non si può non tenere conto degli investimenti già sostenuti dagli imprenditori, come avvenuto di recente anche nella città di Cagliari, del loro impegno, della loro interazione con le diverse realtà territoriali. Un’applicazione indiscriminata dei principi europei, non farebbe altro che renderli pesci piccoli e facile preda di pesci più grandi, consegnando di fatto le nostre spiagge a grandi gruppi e cancellando le imprese locali. Verrebbe meno, così - precisa Cappellacci - anche quel legame con il resto del territorio, fondamentale per costruire quell’effetto filiera e indotto di cui abbiamo assoluto bisogno. Occorre una proroga che da un lato consenta alle 900 imprese sarde e alle 30 mila italiane di programmare la propria attività in linea con investimenti già compiuti e con quelli da fare e dall’altro di rivedere le normative senza la spada di Damocle di scadenze incompatibili con i tempi dell’impresa e con le esigenze del settore turistico. Questa è una delle nostre principali industrie: ecco perché – conclude Cappellacci - occorre che la questione sia trattata ai massimi livelli, presidenza della Regione e presidenza del Consiglio dei Ministri”. (CHARTABIANCA) red turismo imprese lavoro regione