This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 28 gennaio 2022 - 03:34

PECORINO ROMANO: 'CASEIFICI APERTI', AL VIA IL 1 GIUGNO IN TUTTA LA SARDEGNA

CASEIFICI APERTI 1

(CHB) - Cagliari, 30 mag 2016 – Si tiene mercoledì 1 e giovedì 2 giugno la prima edizione di “Caseifici Aperti - Il mondo del Pecorino Romano Dop. Le origini del gusto”, la manifestazione organizzata dal Consorzio di Tutela del Pecorino Romano Dop che vedrà 15 caseifici di tutta la Sardegna aprire per la prima volta le porte ai visitatori. Hanno aderito anche 26 ristoranti dove si potrà degustare piatti a base del prodotto. Il comparto del Pecorino romano svelerà i segreti della produzione del formaggio ovino: dagli ingredienti utilizzati alle fasi di lavorazione fino alle forme complete e in vendita. Ingresso gratuito, l’iniziativa è aperta a visitatori, turisti e a oltre 2 mila studenti degli istituti alberghieri dell'isola. 

LA PRESENTAZIONE. A presentare l'iniziativa in conferenza stampa, nella sala riunioni dell'assessorato regionale dell'Agricoltura, sono stati stamane a Cagliari il presidente del Consorzio di Tutela del Pecorino Romano, Salvatore Palitta; l'assessore dell'Agricoltura, Elisabetta Falchi; Antonello Argiolas, dell'omonima azienda di Dolianova e Salvatore Pala presidente della Cooperativa Pastori Nurri. Durante le giornate sono previsti, nei territori interessati dell'iniziativa, eventi collaterali organizzati dai caseifici, dalle Pro loco e dai Comuni per intrattenere i visitatori. Per il programma completo: www.pecorinoromano.com.  

L'ELENCO DEI CASEIFICI. Partecipano all'iniziativa 15 caseifici isolani rappresentanti di tutta la regione. Saranno aperti al pubblico dal 1 giugno: Latteria Sociale Sa Costera Soc. Coop. Sarda Formaggi Spa Latteria Sociale Coop.La Concordia F.lli Pinna SpA Coop. Pastori Perfughesi Argiolas Formaggi Srl Lait Latteria Ittiri Soc. Coop. Allevatori Di Mores Formaggi Lacesa - Latteria centro Sardegna Caseificio Fratelli Maoddi Srl Coop. Unione Pastori Societa Cooperativa Pastori Oschiresi Agriexport Sardegna Societa Consortile Cooperativa Cooperativa Dorgali Pastori Coop. Allevatori Villanovesi (Srl). Per gli ulteriori dettagli è possibile visitare la pagina web del Consorzio www.pecorinoromano.com.

PALITTA: RECUPERARE LE ORIGINI DEL GUSTO. "Sulle produzioni legate al mondo della pecora – spiega Salvatore Palitta, presidente del Consorzio di Tutela del Pecorino romano - non abbiamo nulla da invidiare a nessuno e il Pecorino romano vuole tornare alle origini del gusto perché dobbiamo recuperare un grande handicap nella nostra terra: la scarsa diffusione del prodotto tra i consumatori sardi. L'iniziativa è rivolta alla conoscenza dei processi industriali dei produttori che negli anni hanno saputo arricchire le proprie capacità tecnologiche per la produzione di un formaggio che nel tempo ha aumentato esponenzialmente la sua diffusione".

CASEIFICI E SCUOLE. Quella che aprirà mercoledì sarà la prima edizione di un evento che il Consorzio intende replicare anche in futuro: "Abbiamo deciso di coinvolgere in primo luogo le scuole e gli studenti perché attraverso la conoscenza si può pensare di far sviluppare il prodotto anche in Sardegna dove attualmente viene consumato meno rispetto all'estero. Proprio attraverso il rapporto tra scuola, mondo delle produzioni e i punti vendita può nascere la conoscenza e la diffusione nel mercato interno - continua - con questa iniziativa i visitatori troveranno anche i prodotti per l'acquisto e per l'occasione il Consorzio prevede anche sconti interessanti".

BARILLA, TRENITALIA, EATALY. Palitta sottolinea come il Consorzio abbia attivato numerose collaborazioni con player nazionali per sviluppare nuovi canali commerciali. Tra queste Palitta cita "la collaborazione con Barilla per la promozione del prodotto con il pesto fatto con il pecorino romano o con Trenitalia che promuove ricette a base di pecorino romano fatte da un produttore sardo, oltre che uno spazio di visibilità a Eataly di New York - aggiunge - ma sono tante le importanti imprese nazionali che ci guardano con interesse". Ma per far crescere ancora il prodotto il Consorzio punta anche a "continuare a scommettere sui mercati esteri e collaboreremo con la Regione sul fronte dell'internazionalizzazione".

I NUMERI DEL ROMANO. Nonostante siamo a metà stagione produttiva e che non sia possibile fare delle previsioni sui numeri di quest'anno, Palitta conferma però che dopo aver chiuso la scorsa stagione con "300 mila quintali di produzione, i numeri risultano in crescita. Sono 300 i milioni di euro di fatturato del Pecorino Romano che viene lavorato in circa 12 mila aziende agricole con 30 mila famiglie sarde impegnate - conclude Palitta - registriamo incrementi produttivi importanti ma abbiamo ampi margini di crescita perché all'estero il volume d'affari è in espansione soprattutto nei mercati Usa, Europa ma anche Giappone Australia e Canada. (CHARTABIANCA)