This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 28 gennaio 2022 - 04:11

CREDITO AGRICOLO: SOSTEGNO IMPRESE SARDE, AL VIA ACCORDO COFIMER - CREDEM

cofimer convegno villacidro
(CHB) - Villacidro, 24 set 2016 - Al via l’accordo tra il consorzio fidi Cofimer e banca Credem per sostenere il credito nelle imprese agricole sarde. L’intesa è stata presentata nel tardo pomeriggio di ieri a Villacidro dai vertici del consorzio di garanzia fidi e dell’istituto di credito emiliano, durante il convegno "Il credito all’agricoltura: strumenti, tempistiche e opportunità per le aziende” e al quale sono intervenuti Marta Cabriolu, sindaco di Villacidro; la presidente di Cofimer, Maria Grazia Dessì; Luciano Dessì, funzionario Credem e specialista nel settore agricolo, e la coordinatrice regionale dell’istituto di credito, Maria Antonietta Aiello. In platea erano presenti agricoltori e imprenditori del territorio che hanno voluto conoscere nel dettaglio modalità e iniziative di accesso ai finanziamenti per le proprie realtà produttive. Ha moderato i lavori la giornalista Leyla Manunza (Notiziario Chartabianca).  

I CONFIDI. Rapporto di territorialità e ruolo di consulenza alle imprese: secondo Maria Grazia Dessì, presidente della Cofimer, sono alcuni dei punti di forza dei consorzi fidi. Nel suo intervento al convegno, l'esponente Cofimer ha sottolineato il ruolo della consulenza alle imprese che "ha contribuito in grande misura a non interrompere il flusso dei prestiti agli associati - dice - per questo Cofimer ha stipulato accordi con molti istituti di credito come con Credem per aiutare le imprese, soprattutto quelle agricole".
Dessì ha sottolineato che se da un lato per Cofimer il core business è quello del sistema delle garanzie, dall'altra "ancor prima della garanzia la cosa più importante è la consulenza, i nostri soci almeno una volta all'anno ricevono una richiesta di invio di documentazione aziendali e di incontro per una consulenza: questo nostro supporto ci ha permesso di crescere nel territorio".

NUMERI COFIMER. Durante il suo intervento Maria Grazia Dessì ha illustrato alcuni dati sull'attività del confidi che presiede oltre 1.380 imprese socie, 90 milioni di euro di affidamenti garantiti e 40 milioni di garanzie prestate con un patrimonio netto di circa 27 milioni che supera il 67% delle garanzie prestate. Inoltre si attesta a 11% il livello dei finanziamenti garantiti dai Confidi. "Le nostre percentuali di sofferenza - sottolinea Dessì - sono nettamente sotto l'8% e tutte sono coperte dalle nostre garanzie - conclude - questi numeri fanno sì che le banche ci diano la giusta credibilità che si riflette sulle nostre aziende".

ALCUNI DATI. Dal convegno di Villacidro è emerso che in Sardegna nel 2015 le banche hanno erogato 26 mila 800 milioni; 3.500 milioni sono crediti in sofferenza. La percentuale di sofferenza è stata del 39,3% e l'aumento delle sofferenze, nel 2016 rispetto all'anno prima, è stato del 5,7% restando in continua crescita. I crediti deteriorati arrivano al 47% con tassi bancari, per le piccole imprese, al 9,28% dettati dal razionamento del credito. I prestiti a medio e lungo termine raggiungono il 4,5%.

CABRIOLU (SINDACO VILLACIDRO). "È difficile per le aziende ottenere credito e il rischio è che gli operatori bancari non concedano finanziamenti ai progetti imprenditoriali non permettendo alle realtà del territorio di partire o crescere – ha detto il sindaco di Villacidro, Marta Cabriolu - se è vero che la vertenza Keller nel nostro territorio ci segna da anni, dall'altro ci sono anche altri settori che hanno bisogno di sostegno e tra questi l'agricoltura, che non può svilupparsi senza i finanziamenti". (CHARTABIANCA)