This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Lunedì 22 luglio 2024 - 04:50

ECONOMIA: PIL, COLDIRETTI: PESA CROLLO AGRICOLTURA (-2,1%) PER CLIMA E AUMENTO ENERGIA

(CHB) - Roma, 22 set 2023 - A pesare sul calo del Pil nel 2022 è stato il calo del valore aggiunto dell’agricoltura (-2,1%) per effetto dell’aumento dei costi energetici e dell’impatto dei cambiamenti climatici. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei conti economici nazionali dell’Istat negli anni 2021 e 2022.
L’incremento dei costi si è ampliato e consolidato nel corso del 2022 in buona parte – precisa la Coldiretti – per le conseguenze del conflitto in atto in Ucraina che ha prodotto una forte instabilità dei mercati internazionali delle materie prime agricole e dei prodotti energetici. Il risultato è che sono calate le imprese in agricoltura nel 2022 con un saldo negativo di -3363 realtà proprio per effetto del mix micidiale dell’aumento dei costi e del cambiamento climatico che ha decimato i raccolti, secondo l’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Movimprese elaborati da Unioncamere.
Rilevante anche l’impatto dei cambiamenti climatici con il moltiplicarsi di eventi estremi che tra siccità, nubifragi, grandine e tempeste di vento hanno decimato i raccolti. Una tendenza confermata nel 2023 in cui si registra nelle campagne un taglio del 10% della produzione di grano mentre il raccolto di miele è sceso del 70% rispetto allo scorso anno ma in difficoltà anche i frutteti con le ciliegie in calo del 60% per l’alluvione che ha colpito la Romagna, la fruit valley italiana, ma anche per le piogge intense in Puglia e Campania, secondo la Coldiretti.
I cambiamenti climatici – sottolinea la Coldiretti – impongono una nuova sfida per le imprese agricole che devono interpretare le novità segnalate dalla meteorologia e gli effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio. Un obiettivo che – continua Coldiretti – richiede un impegno delle Istituzioni per accompagnare innovazione dall’agricoltura 4.0 con droni, robot e satelliti fino alla nuova genetica green no ogm, ma per l’adattamento climatico – conclude Coldiretti – è fondamentale aumentare gli investimenti nell’innovazione e nell’agricoltura di precisione, anche attraverso risorse Pnrr. (CHARTABIANCA) red © Riproduzione riservata agricoltura imprese