This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Venerdì 03 febbraio 2023 - 04:06

ARCIPELAGO DE LA MADDALENA, SALVATA TARTARUGA CON I BRIVIDI 

La Maddalena, 30 gen 2010 (CHB) - Si è svolta questa mattina, per la prima volta nel 2010, un'operazione del Parco relativa al recupero di una tartaruga marina; l'attività si inserisce nell'ambito della Rete regionale per la conservazione di mammiferi e tartarughe marini in difficoltà (cioè il servizio che l'Assessorato alla Difesa dell'ambiente della Regione Sardegna ha organizzato già da diverso tempo sviluppando un'apposita rete). L'Ente Parco nazionale dell'Arcipelago di La Maddalena ha infatti recentemente incaricato la società Naturalia di La Maddalena per essere supportato in tale attività.

Il recupero di questa mattina è avvenuto grazie alla segnalazione di un pescatore maddalenino, Vincenzo Massidda, che ha avvisato il personale dell'ufficio ambiente del Parco, subito intervenuto e tempestivamente supportato da Naturalia, Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale e CTS. La tartaruga marina, sofferente probabilmente a causa di ipotermia riconducibile alle condizioni meteorologiche avverse degli ultimi giorni, sarà trasportata nelle prossime ore presso l'apposito centro nell'Area Marina Protetta del Sinis. In futuro in caso di avvistamenti e/o informazioni su come comportarsi e soprattutto per la richiesta di interventi di recupero e cura, sarà possibile contattare la società Naturalia al numero di telefono 347 1848689, oltre al numero 1515 del CFVA.

I tecnici di Naturalia, anche a seguito di segnalazioni, interverranno per la prima diagnosi e le eventuali azioni in recupero degli animali presso le strutture ricomprese nella Rete, come l'Area Marina Protetta del Sinis - Isola di Mal di Ventre, referente tecnico e scientifico della Rete. In buona sostanza il Parco Nazionale, con l'ausilio di Naturalia, realizzerà e gestirà un presidio di primo soccorso degli animali entro i locali del Parco, progetterà e realizzerà eventi di sensibilizzazione e di informazione per i "fruitori del mare", cioè pescatori, operatori marittimi, Forze dell'ordine.

Particolare attenzione sarà riservata ad eventi e manifestazioni di animazione/educazione /informazione rivolti alla popolazione scolastica di La Maddalena per il giusto comportamento da tenere in caso di avvistamento di animali marini in difficoltà dovute a spiaggiamenti, incidenti e/o catture accidentali (ami e reti sopratutto), ed altri eventi a carico di testuggini di mare e delfini, oltre eventualmente ad altri cetacei (diverse specie di delfini, balene, capodogli, etc.). (chartabianca, 14:43)